Storie di successo: il caso Feralpi Siderurgica

Tempo di Lettura: 3 minuti - Livello di Difficoltà: medio

In questo case study presentiamo il progetto di certificazione CE dell’impianto per la selezione dei rottami ferrosi di Lonato del Garda (BS) svolto per Feralpi Siderurgica, leader sul mercato nazionale ed europeo nella produzione di tondo per cemento armato in barre, vergella liscia e nervata, tondo ribobinato, trafilato e rete elettrosaldata, ma soprattutto una realtà con una cultura fortemente orientata alla sicurezza.

Il valore della sicurezza: non solo obblighi di legge

L’attività di acquisto, utilizzo e manutenzione delle macchine e degli impianti all’interno di un’azienda, se ben gestite e comprese fin dalle prime fasi del progetto, rappresentano un valore aggiunto per la sicurezza degli operatori e per il business della società.

Questo è noto a Feralpi ed è anche per questo che l’azienda ha scelto fin da subito di rivolgersi a noi per il progetto di certificazione CE dell’impianto per la selezione dei rottami ferrosi installato nello stabilimento produttivo di Lonato del Garda, in provincia di Brescia.

 

 

Scarica il Case Study

 

Hanno preso parte al progetto di certificazione CE dell’impianto di Lonato del Garda:

  • gli operatori di Feralpi
  • i nostri tecnici specializzati in revamping impianti

 

“La parte più impegnativa del lavoro è stata la progettazione delle segregazioni e nella conseguente gestione delle modalità di accesso all’area segregata dell’impianto e della riattivazione, mediante comandi locali, dei movimenti delle macchine costituenti l’impianto, l’installazione dell’hardware necessario e la programmazione dei sistemi di comando e dei dispositivi di gestione dei movimenti.” – Iacopo Querci, Sales Manager, H-ON Consulting

 

Appaltare queste attività a tecnici esterni specializzati significa:

  • avere garanzia che l’esecuzione sia tempestiva
  • assicurarsi della correttezza delle certificazioni dei dispositivi (quadri di comando, radiocomandi, componentistica varia, etc)
  • assicurarsi della completezza dei documenti (rapporti di collaudo, rapporti verifiche individuali, calcoli Performance Level delle funzioni sicurezza, schemi elettrici, safety matrix, e via dicendo) che devono essere obbligatoriamente inclusi nel fascicolo tecnico dell’impianto, conservato per legge da chi si configura come fabbricante.

 

Oltre a queste motivazioni, Feralpi ha scelto di rivolgersi a noi anche per altre ragioni:

  • per avvalersi di un metodo tecnico consolidato e ripetibile per il ripristino della conformità macchine, che abbiamo condiviso con gli operatori
  • per la possibilità di emissione della dichiarazione di conformità CE a nome H-ON Consulting, con la quale ci siamo configurati come fabbricante, sollevando Feralpi dalla responsabilità e lasciandole la sola gestione dell’impianto.

 

Scarica il case study di Feralpi Siderurgica

Torna all'elenco degli articoli

Send this to a friend