Struttura della norma EN ISO 13849

Tempo di Lettura: 5 minuti - Livello di Difficoltà: medio

EN ISO 13849, diviso in Parte 1 e Parte 2, è uno standard di sicurezza funzionale, in particolare per la sicurezza del macchinario, che specifica i principi generali per la progettazione delle parti dei sistemi di comando legati alla sicurezza (incluso il software) e per la relativa validazione.

Principi fondamentali della EN ISO 13849

Lo scopo principale delle norme ISO 13849-1, Principi generali per la progettazione, e ISO 13849-2, Validazione, è regolamentare il livello di prestazione che le parti di comando di una macchina legate alla sicurezza devono avere per poter essere considerate un’adeguata misura di mitigazione di uno specifico rischio.

Le norme ISO 13849-1/2 sono di tipo B1 (ISO 12100-1), e armonizzate alla Direttiva Macchine 2006/42/CE.

 

I progettisti spesso scelgono di conseguire una data misura di riduzione del rischio attraverso l’applicazione di mezzi di protezione che utilizzano una o più funzioni di sicurezza. Le parti dei sistemi di comando intese a fornire funzioni di sicurezza sono denominate parti dei sistemi di comando legate alla sicurezza (SRP/CS).

 

Maggiori approfondimenti:

 

La capacità delle SRP/CS di eseguire una funzione di sicurezza è assegnata ad uno di cinque livelli, denominati livelli di prestazione (Performance Level), PL a, b, c, d, e, definiti in termini di probabilità di guasto pericoloso per ora.

La probabilità di un guasto pericoloso dipende da numerosi fattori, come la struttura hardware e software, la copertura diagnostica, l’affidabilità dei componenti, il guasto da causa comune, il processo di progettazione, le sollecitazioni operative, le condizioni ambientali e i procedimenti operativi.

Per la valutazione del PL, la norma utilizza una metodologia basata sulla suddivisione in categorie assegnate ad uno di cinque livelli, denominati Categorie B, 1, 2, 3 e 4.

 

Maggiori informazioni:

 

Campo di applicazione EN ISO 13849-1/2

I SRP/CS sono il “vero” campo di applicazione della norma. Tutto ciò che non è definibile come parte del sistema di controllo legata alla sicurezza non rientra nella trattazione della norma.

Dalla definizione secondo ISO 13849-1 un SRP/CS è parte di un sistema di comando che risponde a segnali in ingresso legati alla sicurezza e genera segnali in uscita legati alla sicurezza.

 

Vuoi aiutare la nostra pagina a crescere?

Seguici su Linkedin oppure Iscriviti alla nostra newsletter

 

Direttiva Macchine e ISO 13849

La necessità di fornire requisiti progettuali per la realizzazione di sistemi di comando sicuri e affidabili nasce direttamente dalla Direttiva Macchine, che nel requisito 1.2 si sofferma sui sistemi di comando.

In particolare nel requisito 1.2.1 tratta la sicurezza ed affidabilità dei sistemi di comando, e specifica che:

“I sistemi di comando devono essere progettati e costruiti in modo da evitare l’insorgere di situazioni pericolose.”

In ogni caso essi devono essere progettati e costruiti in modo che:

  • resistano alle previste sollecitazioni di servizio e agli influssi esterni
  • un’avaria nell’hardware o nel software del sistema di comando non crei situazioni pericolose
  • errori della logica del sistema di comando non creino situazioni pericolose
  • errori umani ragionevolmente prevedibili nelle manovre non creino situazioni pericolose

Questi punti, in particolar modo quello relativo al rilevamento e alla gestione delle avarie, è quello maggiormente trattato dalla ISO 13849-1, perché determinante nell’ottenimento del PL.

 

Hai bisogno di assistenza immediata per la conformità alla ISO 134849?

 

Contattaci

Torna all'elenco degli articoli
Send this to a friend