Politica aziendale di

Salute e Sicurezza

Politica aziendale di

Salute e Sicurezza

Per noi la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro non è solo un impegno verso i nostri Collaboratori ma una cultura che si radica nel nostro modo di agire e che cerchiamo di trasferire anche ai nostri Clienti ed ai nostri Fornitori.
Il nostro lavoro si finalizza con la tutela della salute e sicurezza delle persone ed il nostro impegno, anche verso i nostri Collaboratori, non può essere diverso da quello che mettiamo nel nostro lavoro.

Il nostro impegno

Il nostro impegno parte dalla valutazione di tutti i rischi ai quali i nostri Collaboratori possono essere esposti, siano questi quelli potenzialmente presenti nei nostri uffici, oppure quelli presso i nostri Clienti durante i sopralluoghi od anche quelli connessi all’utilizzo dei mezzi aziendali per qualsiasi necessità. La società ha definito, con riferimento anche al Codice Etico, una Politica per la Sicurezza e la Salute sul Lavoro basata sui seguenti principi fondamentali:

  • Il rispetto della legislazione e degli accordi applicabili alla Sicurezza e la Salute sul Lavoro utilizzando le migliori prassi disponibili;
  • La Sicurezza e Salute sul Lavoro e la prevenzione da lesioni o malattie professionali sono parte integrante della gestione aziendale;
  • La responsabilità nella gestione della Sicurezza e della Salute e la prevenzione dalle lesioni e malattie professionali sul luogo di lavoro riguarda l'intera organizzazione aziendale, ciascuno secondo le proprie attribuzioni e competenze;
  • Tutta la struttura aziendale è impegnata al miglioramento continuo ed alla prevenzione dei rischi per la sicurezza e la salute sul lavoro.

Pertanto l'azienda si impegna a:

  • Fornire le risorse e gli strumenti necessari a tutelare la salute e la sicurezza dei propri Collaboratori;
  • Definire e diffondere all'interno dell'azienda gli obiettivi di Sicurezza e Salute sul Lavoro ed i relativi programmi;
  • Coinvolgere e consultare lavoratori anche nell’organizzazione del lavoro per evitare la sopravvenienza di fattori stressogeni che potrebbero avere ripercussioni sulle attività delle persone;
  • Riesaminare periodicamente la politica stessa e il sistema di gestione attuato.

Prato, 26/06/2015